Conosci l'impatto ambientale dei tuoi pasti?

Misuralo adesso!

Passare a un eco-menù

Ogni attività umana ha un impatto sull'ambiente, anche l'industria alimentare, che consuma risorse ed emette inquinanti. Per alleviarlo, non dobbiamo aspettare interventi dei governi, c'è un modo molto più facile, potente, immediato perché interamente in mano nostra, per diminuire drasticamente il nostro impatto individuale: scegliere il cibo di cui ci nutriamo, passando a un menù più ecologista, basato su ingredienti vegetali anziché su quelli animali (carne, pesce, latticini, uova).

Non si dovrà rinunciare alla buona cucina, al gusto, al piacere di mangiare, anzi, introducendo una maggior quantità e varietà di ingredienti vegetali la nostra cucina sarà più varia, versatile e fantasiosa. E avremo ulteriori vantaggi: una dieta più sana, che ci dona maggior benessere e protezione contro le malattie degenerative e un risparmio di almeno il 25% sul conto della spesa.

Per rispettare gli animali domestici e selvatici, una scelta etica e che salvaguarda l'ambiente naturale

Testimonianza di Laura

La spinta primaria che ha indotto Laura al cambiamento di alimentazione verso quella vegan è il senso di giustizia e l'empatia verso altri esseri senzienti. Ma come effetto collegato, per lei importante, ha ottenuto una diminuzione drastica del suo impatto sull'ambiente: passando dal suo menu, tipico di un italiano medio, a uno basato su ingredienti vegetali ha ottenuto un risparmio dell'82%, perché il suo vecchio menu impattava quasi 6 volte tanto rispetto al nuovo. Esamina i suoi menù e leggi la sua testimonianza personale.

[Continua…]

Percentuale di proteine per quantità di ingredienti animali

Asse orizzontale: proporzione di ingredienti animali nel pasto (sulle calorie);
Asse verticale: percentuale di calorie derivanti da proteine

Ogni punto del grafico rappresenta un pasto inserito nel sistema.

Si nota che ad maggiore proporzione di ingredienti animali corrisponde un maggiore eccesso di proteine proteine assunte (in rosso sono evidenziati i pasti meno salutari, cioè con consumo di proteine troppo elevato).

I pasti con una maggior quantità di prodotti animali sono dunque anche i meno sani, perché contengono troppe proteine. I pasti 100% vegetali sono i più salutari perché contengono solitamente il giusto quantitativo di proteine o un eccesso non esagerato e facilmente eliminabile.

Altri grafici e statistiche


Colazione standard

Una colazione a base di latte di soia, yogurt vegetale, pane tostato e frutta secca (o creme spalmabili di frutta secca) fa risparmiare il 66% di impatto rispetto alla corrispondente versione con latte, yogurt, burro animale.

Testimonianza di Stefano

Per coniugare le istanze ecologiste con quelle salutiste [Continua…]

Considerando tutti i pasti onnivori inseriti finora, se tutti passassero al menù vegetale tipo (a parità di calorie) servirebbe un 82% in meno di terreno destinato alla produzione alimentare: meno foreste disboscate e più ambiente naturale.

Testimonianza di Patrizia

Il passaggio a un eco-menù ha diminuito dell'80% l'impatto sull'ambiente, incluse le emissioni di gas serra: è più importante agire sulla dieta che sui trasporti! [Continua…]